Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Cibi da evitare: ecco le 10 insospettabili bombe caloriche

Insalatona, pasta con i funghi e polpettone: sono solo alcuni dei cibi "insidiosi", che nascondono al loro interno molte più calorie di quante si possano immaginare. Ecco un decalogo per smascherarle

di Posted on
Condivisioni

CIBI DA EVITARE –

Ad un primo sguardo potrebbero sembrare cibi sani, non particolarmente grassi e soprattutto alleati della dieta ma in realtà sono pieni di calorie nascoste: si tratta delle cosiddette “Bombe Caloriche” che la nutrizionista Najat Youssef ha smascherato in un articolo di Puntarella Rossa. Le riportiamo anche qui a beneficio della dieta sana e non sprecona dei nostri lettori, per evitare che si prodighino in inutili sforzi (e sprechino tempo e denaro) per dimagrire, “ingannati” da qualche pietanza finto-dietetica che li porta ad ingrassare.

LEGGI ANCHE: Pausa pranzo in ufficio, mai davanti al pc per non ingrassare

CIBI DA EVITARE PER DIMAGRIRE –

  1.  La pasta al pomodoro. “è un primo piatto costituito da carboidrati raffinati, non integrali, privi cioè di fibra: anche se serviti con un sugo leggero, se non vengono accompagnati da un piatto di verdure comportano un forte innalzamento della glicemia il cui effetto è trasformare in grassi la maggior parte delle calorie che provengono da questi carboidrati”.
  2. Le tagliatelle ai funghi. “Si pensa che la presenza dei funghi lo renda un primo piatto con verdure. In realtà, le quantità che ci sono di funghi in questo piatto quando è preparato fuori casa (soprattutto se conditi anche con panna) sono talmente scarse che l’effetto della fibra è irrisorio, e quindi non è significativo rispetto al nostro obiettivo, ovvero introdurre un’adeguata quantità di fibra ad ogni pasto”.
  3.  L’insalata di riso. “Per la tipologia di condimenti che sono in essa contenuti, come ad esempio i wurstel, le verdure sottolio, dei pezzettini di formaggio o mozzarella, maionese e quant’altro possiamo affermare che l’insalata di riso è un piatto contenente grandi quantità di calorie concentrate in piccolissime porzioni. Anche solo 50 grammi di insalata di riso corrispondono quasi ad una pizza intera”.
  4.  La caprese. “La mozzarella è un altro alimento che viene considerato leggero e non ingrassante dalla maggior parte degli italiani. La mozzarella ha meno grassi di un pezzetto di parmigiano, ma quanta bisogna mangiarne per saziarsi? Non meno di 150 grammi, equivalenti all’introduzione di circa 40 grammi di grassi”.
  5. L’insalatona. “Quella fatta con mozzarella, tonno sottolio, uova e olive. Va bene che c’è la lattuga o la valeriana che danno una parvenza di salubrità e un po’ di fibra, ma bisogna guardare bene alla composizione di tutti gli ingredienti” e qui c’è un mix ingrassante. Ma che cosa dobbiamo togliere allora? “La mozzarella e il tonno, perché paradossalmente la cosa meno ingrassante sono le uova”.
  6. Il polpettone. “Di solito per farlo si utilizzano dei tagli di carne non di alta qualità con un elevato contenuto di grassi saturi che danno sapore ma non danno salute. Nell’impasto troviamo uova, formaggio grattuggiato, pan grattato, pezzetti di prosciutto e di formaggio, e questo impiastro fa sì che ogni boccone possa trasformarsi in una bomba calorica“.
  7.  Il gateau di patate. “Magari per verdure si intendono quei due pezzettini di zucchina sparsi, e poi tutto il resto son carboidrati raffinati, grassi invisibili e altre sostanze che non fanno bene”.
  8. Timballo di verdure. Di pasta e zucchine, o di riso. Sempre il solito inganno delle verdure: “A prima vista potrebbe dare l’idea di essere sano, ma di fatto è talmente condito che poi non lo è”.
  9. Ravioli ricotta e spinaci. “Si presentano come un piatto unico completo, visto che ci sono carboidrati proteine e grassi. Ma, per quanto detto in precedenza, l’impatto calorico e sull’insulina sia dei carboidrati contenuti nell’impasto sia dei grassi dell’olio o burro del condimento non lo rende assolutamente un piatto sano”.
  10. La macedonia di frutta. Se viene zuccherata con il saccarosio, il normale zucchero da cucina, non è un piatto sano. Il saccarosio va a distruggere, come accade nel caso della frutta sciroppata, la maggior parte degli effetti positivi provenienti dal contenuto vitaminico della frutta fresca e della fibra se la frutta non viene sbucciata.

LEGGI ANCHE: La ricetta degli hamburger di quinoa