Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Un centro per l’Alzheimer a Roma bloccato dalla solita burocrazia

Il suolo è stato acquistato nel quartiere della Bufalotta. Il progetto è stato fatto dal più grande esperto europeo per queste opere. I soldi sono pronti, depositati in banca. Ma da tre anni non arriva la firma finale…

Condivisioni

CENTRO ALZHEIMER ROMA –

Quando ho letto la notizia, ho pensato che fosse una “bufala”. E invece , purtroppo, è assolutamente vera: nell’Italia dove centinaia di migliaia di famiglie sono devastate dal ciclone di un parente colpito dall’Alzheimer, che non può essere curato e assistito in nessuna struttura pubblica, si spreca tempo, denaro e generosità del volontariato, impedendo la realizzazione di un centro ad hoc. Solo per banali problemi burocratici, le solite firme che si accumulano mentre ne manca sempre una.

LEGGI ANCHE: Città della vita

E dire che a Roma, dove  dovrebbe sorgere il Centro per l’Alzheimer finanziato dalla Fondazione Roma (quindi senza spese a carico del bilancio comunale), l’ex sindaco Ignazio Marino aveva anche partecipato alla posa della prima pietra, giurando di consegnare almeno un primo nucleo del Centro entro il 2016. Il villaggio però sembra inabissato nella palude romana, e rischia di restare sospeso nel libro dei sogni.
Il terreno, nel quartiere della Bufalotta, è già stato acquistato, il progetto è pronto, con la firma dell’architetto olandese Eloy van Hal, specializzato in questo tipo di edilizia, il finanziamento è già coperto. Eppure, come denuncia il presidente della Fondazione Roma, Emanuele Emanuele, da tre anni si è in attesa dei permessi da parte dell’amministrazione comunale. Arriveranno mai? A questo punto abbiamo qualche dubbio. E vorremmo, per punizione, mandare qualche dirigente comunale ad Amsterdam, a spese sue, a vedere che cosa significa un Centro per l’Alzheimer, con il supermercato, il parrucchiere, il bar, la sala musica e il teatro.  Forse capirebbe la gravità di questo spreco.

PER APPROFONDIRE: Badante di condominio a Milano

LEGGI ANCHE: