Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

La casa in 3D, costa 800 euro a metro quadrato. E si può costruire in appena quindici giorni

Un intero appartamento stampato con una stampante 3D, progetto innovativo italiano che ha gli obiettivi ambiziosi di essere economico, perfettamente sostenibile a livello ambientale e rapido da costruire. Per avere una casa in 15 giorni e far fronte alle emergenze abitative

Condivisioni

CASA STAMPATA IN 3D

La casa in 3D, economica, leggera, sostenibile, e innanzitutto stampabile, non è più un frammento dell’architettura futuribile, da libro dei sogni. E’ un progetto reale, ormai in produzione, realizzato dallo studio di architettura milanese CLS.
Ma come funziona una casa in 3D? Quali vantaggi presenta? E come si realizza?I vantaggi più significativi sono due: il risparmio e il tempo per realizzarla. Il costo medio di una casa in 3D, infatti, è attorno agli 800 euro a metro quadrato (ma si lavora per scendere fino a 200 euro a metro quadrato), la metà degli importi standard. Quanto ai tempi, invece, una casa in 3D si può realizzare in circa 15 giorni.

LEGGI ANCHE: Tiny houses, vivere in una casa piccolissima. Dove però c’è tutto, anche su due piani (foto)

3D HOUSING 05

L’appartamento studiato dallo studio CLS è una vera e propria casa di 100 metri quadrati circa, composta da zona giorno e zona notte, costruita in modo leggero ed economico, facile da trasportare e spostare. L’ottica dell’housing del futuro è quella di dare la possibilità di avere una casa sempre più accessibile alla maggior parte delle persone, senza che questo si traduca in uno spreco di risorse o nel danneggiamento dell’ambiente circostante.

casa stampata in 3d

E’ per questo che Massimiliano Locatelli, architetto ideatore del progetto, ha fissato quattro punti cardinali dello sviluppo della casa in 3D: oltre alla creatività, la sostenibilità, l’estrema adattabilità/modellabilità, che rende la casa in 3D un’abitazione perfettamente integrata col contesto in cui si trova, l’economicità e la rapidità di costruzione, che permette di intervenire anche in contesti come calamità o particolari emergenze abitative. Tutto questo, ovviamente, senza rinunciare alla ricerca del dettaglio o del particolare. Niente cubicoli di cemento, la sfida è essere economici senza smettere di cercare il bello e il comfort per chi ci vive.

Chiara Spagnol spiega il progetto 3D Housing 05 ai lettori di Non Sprecare.

(Immagini tratte dalla pagina Facebook di CLS architetti)

CASE IN LEGNO. CASE IN PAGLIA. CASE A ZERO EMISSIONI