Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Ferrovie nel caos, pensano alla finanza e dimenticano di investire negli anti-gelo

L’ondata di maltempo era già prevista da alcune settimane in tutta Europa. Ma i treni hanno circolato regolarmente in Germania, Francia e Spagna. In Italia, no. Ecco il vero motivo.

di Posted on
Condivisioni

CAOS TRENI PER NEVE

L’Italia ferroviaria nel caos per qualche fiocco di neve in più non è il frutto di una casualità. Né un imprevisto capriccio della natura che si è scatenata contro i poveri viaggiatori su rotaie. Qui ci sono responsabilità precise, e vanno chiarite, anche per evitare un prossimo bis. E le responsabilità chiamano in causa innanzitutto le Ferrovie e il loro principale azionista, il governo italiano.

LEGGI ANCHE: «Treni, poste, strade: per gli italiani è sempre peggio» (Daniele Martini)

TRENI IN RITARDO A CAUSA DELLA NEVE

Il primo a essere consapevole di un buco nero nel sistema è Renato Mazzoncini, amministratore delegato di Ferrovie, il quale ha chiesto scusa a «tutti gli italiani» per il calvario sui binari. E il suo azionista di controllo, il ministro Graziano Delrio, ha aggiunto con una certa rabbia: «Mai più». Ma, a parte le scuse e il futuribile impegno al non ripetersi di questi episodi, resta il fatto che il crack sulla rete si è scatenato per una scelta aziendale sbagliata fatta in questi anni: non provvedere in modo puntuale e concreto alla sistemazione della rete per affrontare il maltempo e le nevicate.

Guardiamoci attorno. La furia di Burian era già prevista da alcune settimane in tutta Europa, ma al momento della verità i treni hanno funzionato regolarmente in Germania, in Francia, in Spagna. In Italia no. E in particolare il caos è esploso nel Lazio, attorno al nodo vitale di Roma. Qui ci sono 600 deviatori, dei quali solo 150 sono attrezzati con le «scandaglie», ovvero con gli strumenti che impediscono agli scambi di bloccarsi per il gelo. Ma come? Ferrovie annuncia ad ogni trimestrale miliardi di euro di investimenti e poi si dimentica di spendere 100 milioni di euro per mettere in ordine un punto nevralgico della rete ferroviaria? Chi ha preso questa sciagurata decisione? E il governo ne sapeva qualcosa?

PER APPROFONDIRE: Più pendolari, meno treni. Così pensiamo di aiutare chi va al lavoro senz’auto?

DISAGI TRENI A CAUSA DELLA NEVE

Non venitemi a dire che le ultime nevicate pesanti a Roma sono avvenute a intervalli molto lunghi di tempo: nel 1956, nel 1985 e nel 2012. Non significa nulla. Una rete che si rispetti deve essere sempre e comunque attrezzata per questo tipo di avversità e non può giocare alla riffa del maltempo.

La mia sensazione è che l’azienda si è distratta, negli ultimi tempi, in quanto in altre faccende affaccendata. La possibile quotazione in Borsa, l’unione con Anas, il rinnovo dei vertici. Potere e finanza. Laddove servono, in primo luogo, investimenti e orizzonti di lungo periodo, sul prodotto, che per Ferrovie di traduce in un buon servizio del trasporto ferroviario. Anche quando arriva una semplice nevicata.

(Credits immagine di copertina: Alexandr Medvedkov / Shutterstock.com)

QUANDO TRENO È UGUALE A CALVARIO:

  1. La raccolta firme per l’abbonamento “Bici + treno” scomparso in Emilia Romagna
  2. Abbonamento “Bici+treno” ripristinato in Emilia Romagna: la vittoria di Sara Poluzzi
  3. Funzionamento dei treni in Italia, così Trenitalia crea il mostro di un Paese diviso tra ricchi e poveri
  4. In Italia l’ingiustizia corre sui binari, ecco dove i disagi dei treni creano più problemi