Questo sito contribuisce alla audience di

Daniele Pernigotti, duemila km in bici per trovare soluzioni ai cambiamenti climatici

La sfida di Daniele Pernigotti, biologo che parte da Venezia, direzione Copenhagen: sensibilizzare con una serie di conferenze sui cambiamenti climatici

Daniele Pernigotti, duemila km in bici per trovare soluzioni ai cambiamenti climatici
Cambiamenti climatici in atto - il viaggio in bici per sensibilizzare sugli effetti
di
Condivisioni

Cambiamenti climatici - Duemila chilometri in bici e 17 tappe attraverso quattro paesi europei per dibattere sui problemi legati al cambiamento climatico e sui possibili percorsi per superarli: parte oggi da Venezia la sfida del biologo Daniele Pernigotti, esperto di clima e intenzionato a sensibilizzare l’opinione pubblica con una serie di conferenze.

LEGGI ANCHE: Flux, la pista ciclabile in grado di ricaricare le bici elettriche al loro passaggio

Cambiamenti climatici in atto - Ispettore del Dipartimento certificazione ed ispezione di Accredia, l’ente unico nazionale di accreditamento, Pernigotti terrà incontri, insieme ad altri relatori, che saranno incentrati sull’analisi scientifica del problema e sui possibili percorsi per affrontarlo concretamente, a partire dagli incentivi per le energie rinnovabili fino agli strumenti disponibili per l’abbattimento delle emissioni di CO2 per le imprese, per arrivare al tema delle tecniche edilizie per migliorare l’efficienza energetica degli edifici e delle abitazioni. Il tour si concluderà il 30 ottobre a Copenaghen alla vigilia della presentazione del quinto rapporto sul cambiamento climatico dell’Ipcc, che si terrà nella capitale danese.

LEGGI: La classifica dei film più belli sul tema dei cambiamenti climatici

Cambiamenti climatici conseguenze - “La nostra scelta di affrontare il viaggio in bici non è casuale. Il trasporto sostenibile è una delle branchie principali delle ricerche sui cambiamenti climatici”, ha dichiarato Pernigotti, che partirà insieme all’amico e ciclista Claudio Bonato. ‘‘Invitiamo tutti a partecipare alla nostra pedalata, anche solo per fare insieme un breve tratto. Noi siamo i catalizzatori, non siamo i protagonisti”. Noi di Non sprecare non possiamo che augurargli buon viaggio e sperare che la sua iniziativa possa dare gli esiti sperati in termini di sensibilizzazione sia dei cittadini che delle istituzioni, e che renda le persone più consapevoli di tutte le conseguenze che i cambiamenti del clima comportano.

LEGGI ANCHE: In Germania la prima autostrada per le biciclette

Ultime Notizie: