Bruno Serato, lo chef benefattore che aiuta i bambini

Ogni sera, oltre a servire cibi prelibati ai frequentatori del suo ristorante, prepara chili di pastasciutta da distribuire a circa 300 piccoli del centro Boys&Girl Club che raccoglie ragazzi nati in famiglie poverissime

Bruno Serato, lo chef benefattore che aiuta i bambini
Bruno Serato
di

Bruno Serato è noto come llo chef benefattore di tanti bambini bisognosi: sarà ospite giovedì 3 ottobre de La prova del Cuoco, la trasmissione condotta da Antonella Clerici, alle 12.00 su Rai1. La sua è una storia come tante: un giovane di belle speranze che non riesce a realizzarsi nel proprio Paese ed è costretto a cercare fortuna all’estero. Stabilitosi in California, ne ha fatta di strada: da semplice lavapiatti è diventato uno dei cuochi più affermati d’America e i suoi ristoranti sono frequentati dai nomi più illustri dello star system americano.

Nonostante oggi sia una persona completamente realizzata non dimentica le sue origini umili e soprattutto non dimentica chi ha bisogno di essere aiutato perché da solo non ce la fa ad andare avanti. E così ogni sera oltre a servire ai frequentatori del suo ristorante cibi prelibati prepara chili di pastasciutta da distribuire a circa 300 piccoli del centro Boys&Girl Club che raccoglie ragazzi nati in famiglie poverissime, che non possono permettersi l’affitto di un appartamento e vivono in stanze di hotel senza cucina.

Questo gesto di grande solidarietà  gli ha permesso di conquistare un posto nella top ten dei ‘Cnn Heroes’, la speciale classifica composta da persone che, in tutto il mondo, si sono distinte per attività benefiche. Nelle cucine de La Prova del Cuoco Bruno Serato cucinerà, insieme ad Antonella Clerici, proprio gli spaghetti al pomodoro, il piatto simbolo della cucina italiana nel mondo, ma anche il piatto con cui un italiano dal grande cuore, riesce ad essere utile a tanti bambini sfortunati.

 

   

Ultime Notizie:

Al porto di Lampedusa, l’isola ecologica per i rifiuti pericolosi

Al porto di Lampedusa, l’isola ecologica per i rifiuti pericolosi

il progetto di Legambiente e Coou – Consorzio Obbligatorio degli oli usati che ha visto la consegna a Lampedusa di un’isola ecologica all’interno della quale saranno posti un serbatoio da 500 litri per la raccolta dell’olio usato in ambito nautico e portuale e un contenitore per la raccolta delle batterie esauste.

continua »