Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Yoga a scuola, si può iniziare già a cinque anni. Tra i benefici: più autocrontrollo e più concentrazione

Ci sono anche diversi accordi tra i governi e la Federazione yoga per introdurre questa disciplina nell'ora di ginnastica. Ma spesso mancano i fondi. L'esempio di una scuola che prevede lo yoga già all'asilo

Condivisioni

BENEFICI DELLO YOGA PER BAMBINI

Lo yoga a scuola. Ci sono diversi protocolli, firmati dal governo italiano di turno con la Federazione yoga, per promuovere questo tipo di attività, magari durante le ore di ginnastica, con la collaborazione di personale qualificato.

YOGA A SCUOLA

Molto spesso, però, le scuole si fermano di fronte alla mancanza di fondi, che andrebbe superata attingendo alle risorse che ciascun istituto può ottenere per progetti formativi speciali.

La pratica dello yoga, secondo la stragrande maggioranza degli esperti, può iniziare già all’età di cinque anni, e consente ai bambini, nel tempo, di sviluppare l’intelligenza emotiva e l’autocontrollo, riducendo molti fattori di stress durante l’infanzia.

Ma vediamo da vicino il caso di una scuola dove si insegna lo yoga, il testo più adatto per gli insegnanti interessati a questo tipo di attività ginnica, e i più importanti benefici che ne ricavano i bambini.

LEGGI ANCHE: I 10 effetti benefici dello yoga

YOGA AL NIDO

Nelle scuole dell’infanzia del gruppo “Il Girotondo a Roma” lo yoga viene insegnato ai bambini già dall’età di 15-18 mesi. Il maestro Angelo svolge la sua lezione con gruppi di 8 bambini secondo le tecniche del kundalini yoga. I piccoli lo seguono attraverso storie e canzoncine (meditazioni celestiali) che lui propone a seconda delle fasce d’età. La lezione si svolge in maniera ludica ma insegna le basi dello yoga in modo molto semplice. A mano a mano che i bambini crescono, le lezioni, sempre interattive e mai cattedrali, vanno via via diventando più complesse interconnettendo la sfera fisica e quella mentale dei più piccoli.

DA PROVARE: Yoga della risata, la tecnica che combatte ansia e stress

5 MOTIVI PER FAR PRATICARE YOGA AI BAMBINI

Ecco cinque benefici importanti per lo sviluppo cognitivo che lo yoga favorisce:

  • Conoscenza del proprio corpo. Non è semplice per un bambino capire qual è la destra o la sinistra e lo yoga aiuta il processo di lateralizzazione e padronanza di sé.
  • Equilibrio. Provate a chiudere gli occhi e ad alzare la gamba destra. Per un bambino, all’inizio, non è semplice fare nessuna delle due operazioni. A mano a mano che prendono consapevolezza del proprio corpo riescono anche a raggiungere un equilibrio tale da poter far loro compiere ogni posizione.
  • ConcentrazionePer eseguire le varie posizioni bisogna concentrarsi su se stessi. E lo yoga favorisce i processi cognitivi dell’attenzione e della concentrazione.
  • Respirazione. Attraverso lo yoga i bambini non perdono la capacità di respirare profondamente che noi adulti abbiamo perso. Questo permette loro di provare un senso di benessere e rilassamento.
  • Elasticità e forza. Ibambini che praticano yoga sviluppano elasticità, maggiore tonicità e forza dei bambini che seguono altri sport.

PER APPROFONDIRE: Un’app per fare yoga, 10 minuti yoga

BUONE E SEMPLICI IDEE PER L’EDUCAZIONE DEI BAMBINI:

  1. Educazione positiva. Per insegnare la felicità a scuola e trasformare i bambini in adulti sani e consapevoli
  2. L’età giusta per dare il cellulare ai bambini? Non certo 11 anni, come avviene oggi
  3. Rispetto per l’ambiente e per il verde, ai bambini si insegna già in casa. A partire dai piccoli gesti
  4. A lezione in aula? No, nel bosco (foto). I bambini che partecipano al progetto della Fondazione Villa Chigi

LEGGI ANCHE: