Questo sito contribuisce all'audience di

Difendiamoci con il verde: alberi, aiole e orti come barriere contro i terroristi

Invece del cemento, per fermare i camion-killer, utilizziamo il verde e il colore. Una risposta di civiltà, contro la violenza e nel nome dei nostri valori. A partire dalla forza di una comunità che, in questo modo, utilizza una criticità per migliorare le proprie città

Difendiamoci con il verde: alberi, aiole e orti come barriere contro i terroristi
di
Condivisioni

BARRIERE CONTRO IL TERRORISMO

Le nostra città, i nostri luoghi del grande lusso di vivere nel Bello, si stanno lentamente trasformando in zone di guerra. E purtroppo non è un fenomeno transitorio. Ho visto da vicino, e studiato in fotografia, le varie barriere che giuntamente, sulla base di una precisa circolare del Viminale, si stanno moltiplicando in diverse parti d’Italia. A partire dai lungomare, dai centri storici, dalle strade a più alta densità di struscio. I primi aggettivi che mi vengono in mente di fronte a questi pezzi di arredo urbano in versione sicurezza in tempi di guerra sono due: orribili e tristi. E come tali una secca sconfitta per i nostri stili di vita, ciò che i nemici jadisti più cercano di distruggere, subito dopo le migliaia e migliaia di vite umane innocenti.

LEGGI ANCHE: Premio Non Sprecare a Michelangelo Pistoletto, maestro dell’Arte Povera

DISSUASORI CONTRO IL TERRORISMO

Una risposta più efficace, da tempi di guerra ma con la forza di chi vuole la pace, è molto più semplice e andrebbe presa seriamente in considerazione dalle costruendo le barriere non con l’odioso cemento, o con la plastica rinforzata, ma con alberi, mini-boschi urbani, aiole e orti rialzati. Sono felice che un’idea di questo genere veda schierati, sullo stesso versante, un bravo architetto come il milanese Stefano Boeri, noto nel mondo per il suo palazzo con il bosco verticale, e un grande artista, il maestro dell’Arte Povera, Michelangelo Pistolettto, che noi conosciamo bene anche come vincitore di una passata edizione del Premio Non sprecare. Boeri dice una cosa secca, e perfino banale se volete, quanto autentica: “Al terrorismo bisogna rispondere con più verde, non con più cemento”. Pistoletto avverte: “Proteggiamoci con qualcosa che unisca, e facciamolo con il colore, molto colore”.

PER APPROFONDIRE: Il libro che racconta l’importanza dello stare insieme, e del sapere vivere come na grande comunità

BARRIERE VERDI

Ancora una volta il verde, gli alberi, i boschi e gli orti urbani, assumono una funzione rivoluzionaria, diventano una molla decisiva di cambiamento, di nuovi stili di vita. E contro gli assassini che vogliono dividerci, dividendo il mondo, le civiltà e le religioni, contro questi killer truccati da profeti paranoici, noi abbiamo la possibilità di rispondere con i nostri valori. La tolleranza, la condivisione, la partecipazione, la forza di una collettività che non si lascia smembrare dal fanatismo e del terrore. E lo fa anche attraverso il gesto concreto della scelta dei materiali e degli strumenti con i quali ci difendiamo negli spazi urbani più a rischio. È un’opportunità che ci aiuterà a combattere meglio, ed a vincere, questa sporca e lunga guerra. Non sprechiamola.

ORTI URBANI E ALBERI IN CITTÀ: GLI ESEMPI MIGLIORI

Orti urbani in Italia, la rivoluzione verde nelle città: i più belli (foto)

Orti urbani nel mondo, ecco i più belli. A Berlino le verdure si coltivano in aeroporto

Orti urbani e fattorie in città: Vancouver è la capitale mondiale

Alberi adottati dai cittadini del quartiere, si moltiplicano gli accordi in Italia. Evviva!

Città con gli alberi, le 5 più belle del mondo. Con viali, parchi e giardini da sogno (Foto)

Ultime Notizie: