Questo sito contribuisce all'audience di

Banca delle visite, la piattaforma dove si possono donare cure a chi non se lo può permettere

Nato grazie a due giovani imprenditori pugliese, consente a privati e aziende di investire delle somme di denaro in favore di cittadini bisognosi, offrendo visite mediche specialistiche e prestazioni gratuite. Un modo innovativo per sopperire alle mancanze del Sistema sanitario nazionale grazie alla filosofia del sospeso

Banca delle visite, la piattaforma dove si possono donare cure a chi non se lo può permettere
di
Condivisioni

BANCA DELLE VISITE

Il concetto del “caffè sospeso” applicato al pianeta salute. È così che nasce la ‘Banca delle visite’, una piattaforma web che ha il grande merito di raccoglie donazioni di privati e aziende in favore di cittadini bisognosi, offrendo visite mediche specialistiche e prestazioni sanitarie gratuite. Un modo per permettere a chi non può attendere i tempi del Servizio sanitario pubblico di avere cure immediate senza dover pagare. La ’Banca delle visite’, infatti, è un vero e proprio “salvadanaio” di prestazioni mediche come mammografie, pap test, Tac, visite cardiologiche, dermatologiche, oculistiche e tanto altro, finanziate da donatori che applicano la filosofia del sospeso alle cure mediche.

LEGGI ANCHE: «Il “sospeso”? Facciamolo due volte al giorno». La proposta dello scrittore Luciano De Crescenzo

VISITE GRATIS

L’idea è venuta a Giuseppe Lorusso e Angelo Marvulli, due giovani imprenditori di Gravina, in provincia di Bari in Puglia, che dopo aver creato la startup “ScegliereSalute”, hanno dato vita a un portale web dove ciascuno può acquistare una visita medica o una delle prestazione sanitarie presenti in un elenco, oppure donare una somma di denaro che concorrerà, insieme ad altre donazioni, all’acquisto di visite o prestazioni sanitarie. Così il cittadino che ne ha bisogno, dopo essersi registrato, può richiedere una delle prestazioni custodite nella Banca. Infine, la piattaforma contatta il professionista sanitario che si occuperà del paziente senza richiedere nessun compenso al cittadino.

VISITE MEDICHE GRATUITE

Nel 2016, secondo il Censis, 11 milioni di italiani hanno rinunciato alle cure a causa delle difficoltà economiche. Una vera e propria emergenza che solo iniziative come la Banca delle visite sono in grado di arginare, almeno parzialmente. Anche nel campo della salute, infatti, stiamo assistendo a una crescente disparità tra i legittimi bisogni dei pazienti e le risorse disponibili, che mettono in crisi il valore fondamentale dell’accesso universale alle cure mediche. Per questa ragione è necessario sviluppare nuove forme capaci di offrite un’alternativa valida ai rigidi schemi del Sistema sanitario nazionale. E in tal senso la filosofia del sospeso può rivelarsi una carta vincente.

La foto di copertina è tratta dalla pagina facebook ScegliereSalute

QUANDO IL MEDICO È GRATIS

Il dentista greco che a Genova cura anche gratis. Se sei povero

Cure gratis per i poveri a Bari, ci pensa un chirurgo in pensione. Con la sua squadra

Poliambulatorio Anver, quando le donne fanno buona sanità a basso costo. E gratis per i poveri

Farmaco Amico: la rete sociale per la raccolta e la donazione dei farmaci non scaduti

Ultime Notizie: