Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Auto elettrica. Ricaricabile.

di Posted on
Condivisioni

Herzliya e’ un elegante sobborgo a Nord di Tel Aviv, con le sue spiagge sul Mediterraneo, la sua marina piena di barche, i centri commerciali e i cinema. Nel parcheggio di uno di questi, Cinema City, il futuro e’ gia’ arrivato. Ha la forma di una serie di colonnine grigio-azzurre ? base triangolare e design minimalista ? attrezzate con due prese sicure per ricaricare le auto elettriche che tra poco saranno in circolazione nel Paese. Shai Agassi, il profeta delle reti di distribuzione per l’auto elettrica nel mondo, ha scelto Israele, dov’e’ nato, come Paese pilota per il suo progetto Better Place.
Non per motivi affettivi, ma logistici: si tratta di un territorio piu’ piccolo della Lombardia, ma occupato per meta’ dal deserto del Negev e circondato da vicini ostili, quasi come un’isola. La popolazione e’ molto concentrata nel corpo centrale del Paese, largo appena 15 chilometri nella fascia piu’ stretta, percio’ e’ raro percorrere in macchina piu’ di 70 chilometri alla volta, il raggio d’azione ideale per una batteria con autonomia ridotta, che per ora non supera i 150 chilometri. Poi sara’ la volta della Danimarca, un territorio grande il doppio d’Israele, ma pur sempre delimitato tutto intorno dal mare. Sia in Israele che in Danimarca, per motivi diversi, i governi puntano a emanciparsi in tempi brevi dalla schiavitu’ del petrolio e hanno risposto molto bene al progetto, defiscalizzando completamente le auto elettriche.

Entro la fine dell’anno, avremo installato un migliaio di punti di ricarica come questo, spiega Tal Agassi, fratello minore di Shai e responsabile dell’infrastruttura di rete per Better Place. Nell’area della grande Tel Aviv ce ne saranno centinaia: i primi nel parcheggio dell’albergo Basel (sul lungomare del centro), sotto l’Europa House (in pieno quartiere degli affari) e nel piazzale davanti al campus Ibm, snodo chiave del Silicon Wadi. Abbiamo cercato di distribuirli su diverse tipologie di insediamento, dalle case private ai parcheggi degli uffici, dagli spazi pubblici agli autosilo, per gettare le basi di un approccio schematizzato per ciascuna tipologia, sia sul piano tecnico che delle normative di sicurezza o dei contratti di allacciamento alla rete elettrica. In questo modo abbiamo stabilito una procedura standard che ora stiamo replicando rapidamente in tutto il Paese, da Haifa a Gerusalemme, da Kfar Sava a Holon. L’esperienza sul campo e’ importante per allineare tutti i passaggi in uno schema generale che ci facilitera’ l’approccio con gli altri Paesi.
In Israele il progetto procede speditamente: gli accordi con le municipalita’ sono firmati, l’infrastruttura di base in via di realizzazione, le colonnine in deposito. Renault Nissan ha gia’ fornito alcuni prototipi di auto elettriche, con batterie agli ioni di litio: Renault Me’gane e Nissan Rogue. Il primo obiettivo e’ di avere una cinquantina di macchine in circolazione in Israele e una cinquantina in Danimarca entro la fine di quest’anno. Nel 2010 centomila punti di ricarica in funzione, le stazioni di ricambio delle batterie, la versione definitiva del software gestionale del sistema e il primo gruppo di clienti paganti. Nel 2011 il debutto sul mass market. Il bello dell’impresa e’ che la tecnologia esiste gia’.

Non c’e’ niente di nuovo da inventare, ma solo due problemi fondamentali da risolvere: l’autonomia limitata e l’alto costo delle batterie attuali. L’intuizione di Agassi sta tutta nel modello di business, che elimina le batterie dai costi attribuiti al cliente, lasciandone la proprieta’ nelle mani del gestore del sistema, come nella telefonia cellulare, dove il cliente non compra piu’ l’oggetto ma l’esperienza di comunicazione mobile, sotto forma di minuti di conversazione. Better Place fara’ pagare ai suoi clienti i chilometri invece dei minuti, offrendo diversi piani tariffari in base alle esigenze dei singoli automobilisti. Chi avra’ uno schema di spostamenti regolari potra’ lasciare l’auto sotto carica nel parcheggio dell’ufficio o sotto casa. Per chi avra’ bisogno invece di viaggiare oltre il limite fatidico delle 150 miglia, ci saranno le stazioni di ricambio, dove un sistema robotizzato estrarra’ la batteria scarica e la sostituira’ con un’altra carica. I problemi pratici da superare, evidentemente, sono infiniti. Primo fra tutti, l’approccio psicologico al nuovo sistema, che comporta una certa programmazione e incrina il mito dell’auto come strumento di liberta’ assoluta.

Ma Better Place sembra inarrestabile. In pochi mesi ha raccolto 200 milioni di finanziamento e miete consensi in tutto il mondo. Dopo Israele e Danimarca, le tappe saranno San Francisco e la Bay Area (dove ha sede l’azienda), le Hawaii, l’Australia e la provincia canadese dell’Ontario. In Giappone e’ appena partita l’alleanza con Subaru e il governo ha chiamato Agassi a realizzare un primo network. L’entusiasmo del quarantenne imprenditore e’ contagioso: tipico geek israeliano, entrato giovanissimo al Technion di Haifa, e’ approdato a 34 anni ai vertici di Sap, colosso tedesco del software gestionale, per poi licenziarsi nel 2007 e dedicarsi alla sua seconda vita, il business verde. Il suo mantra e’: Non abbiamo aspettato di avere i migliori chip per mettere sul mercato i pc, ne’ di avere una tecnologia perfetta per lanciare la rivoluzione dei telefonini, dunque perche’ attendere le batterie ottimali per diffondere l’auto elettrica su vasta scala?