Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Acqua, bollette più care del 74 per cento. Salgono i prezzi, ma si riduce il consumo di minerale

Una pessima notizia nella giornata mondiale dell’acqua. L’unica cosa è ridurre gli sprechi individuali e collettivi.

Condivisioni

AUMENTI BOLLETTE ACQUA –

È il modo peggiore per festeggiare: accorgersi che la bolletta vola, i costi aumentano e i consumi diminuiscono. Così nel giorno in cui in tutto il mondo si celebra, su indicazione dell’Onu, “La giornata mondiale dell’acqua”, l’Istat ci fa scoprire quanto sia cresciuto il prezzo che paghiamo per il rifornimento quotidiano nelle nostre abitazioni. Siamo arrivati a quota 21,18 euro al mese, rispetto ai 12,16 euro del 2008: questo significa che in appena sette anni le bollette sono cresciute del 74 per cento, con un ritmo superiore al 10 per cento ogni 12 mesi. Non c’è inflazione, o altro, che giustifichi una spesa così esorbitante. Di segno opposto, invece sono le notizie sui consumi di acqua minerale. E qui possiamo considerare una buona notizia il fatto che diminuiscono: significa più risparmio per le famiglie (che comunque nel 60 per cento dei casi consumano acqua minerale) e una riduzione della plastica, altamente inquinante. La cifra pagata in media per ogni italiano per gli acquisti di acqua minerale è di 11,42 euro, con una diminuzione del 4,5 per cento rispetto all’anno precedente.

LEGGI ANCHE: Giornata mondiale dell’acqua, 10 mosse per combattere lo spreco idrico a tavola

COME EVITARE SPRECHI DI ACQUA –

Adesso che l’acqua sta diventando cara, possiamo fare più attenzione agli sprechi. Che sono ancora tanti (avete presente la quantità di docce che si fanno in casa durante una sola giornata?), specie all’interno delle mura domestiche. Ma anche fuori, visto che più del 30 per cento dell’acqua pubblica viene dispersa per  le cattive condizioni della rete idrica. Dobbiamo diminuire gli sprechi e aumentare invece il consumo di acqua custodita nelle casette del sindaco che stanno crescendo dappertutto. Infine, non dimentichiamo che l’acqua in molte parti del mondo è fonte di guerra (mentre noi la sprechiamo): appena qualche giorno fa è stata sempre l’Onu a classificare i conflitti nel mondo per il controllo dei rifornimenti idrici. Sono quasi 350 e costano la vita a milioni di persone.

PER APPROFONDIRE: Acqua a costo (quasi zero), ecco i chioschi più belli d’Italia