Questo sito contribuisce all'audience di

Ansia da rientro al lavoro: ecco come gestirla al meglio

Darsi tempo, fare pause frequenti, riprendere a fare sport e stretching: ecco come affrontare nel modo migliore il rientro in ufficio dopo le vacanze

Ansia da rientro al lavoro: ecco come gestirla al meglio
Ansia rientro lavoro
di
Condivisioni

ANSIA RIENTRO LAVORO

«Fisiologicamente tendiamo a tracciare una linea tra un passato trionfale, quello del periodo vacanziero, e un futuro problematico e conflittuale, quello del rientro al lavoro. Si tratta di una linea che va in picchiata, da un trionfo a un declino, e che rappresenta solo la nostra paura e le nostre ansie». Lo spiega il professor Piero Barbanti, Primario Neurologo dell’IRCCS San Raffaele Pisana, parlando dello stress che colpisce coloro che rientrano dalle vacanze. Sensazione di malessere diffuso, emicrania, calo dell’attenzione e delle energie, malinconia e sconforto, disturbi digestivi e muscolari, insonnia e sbalzi d’umore: eccoli qui i sintomi che molti lamentano al rientro dalle spiagge dorate. Niente paura, si tratta della comunissima sindrome da “post vacation blues” e cioè malinconia post vacanze.

Il tempo libero è finito e una volta tornati a casa ci aspettano il lavoro, le commissioni, il traffico, le email e tutto il resto delle incombenze. E l’ansia aumenta solo a sentirne parlare. Particolarmente duro è il rientro in ufficio che ci impone ritmi e comportamenti precisi. L’organismo insomma si deve riabituare alla vita di tutti i giorni.

CRISI DA RIENTRO FERIE

Per superare questa situazione basta seguire qualche semplice regola che ci può aiutare a riequilibrarci.

  1. Preparatevi. Già qualche giorno prima della fine delle vacanze cominciate a recuperare qualcuna delle vostre abitudini. Evitate di passare dalle vacanze al lavoro senza nemmeno due o tre giorni di decompressione.
  2. Datevi tempo. Non potete pretendere di riprendere il lavoro con gli stessi ritmi pre-vacanza. I primi giorni cercate di recuperare il filo delle vostre attività e, se potete, cercate di darvi degli obiettivi e dei limiti, rispettando l’orario di lavoro senza eccedere o senza cercare di recuperare tutto quello che vi siete lasciati indietro.
  3. Fate delle pause. Non rimettetevi allo schermo del pc, di tablet, smartphone per 8 ore consecutive senza mai staccare lo sguardo: oltre alla pausa pranzo, concedetevi almeno altri due momenti “off” a metà mattina e pomeriggio. In questo modo soffrirete meno le lunghe ore seduti alla scrivania.
  4. Fate stretching. Anche in ufficio è importante sgranchire i muscoli del corpo. Ogni ora fate un po’ di stretching alla testa e alla schiena. Vedrete che vi sentirete subito meglio.
  5. Dormite. 7-8 ore per notte è il tempo necessario per far riposare il vostro corpo e la vostra mente. Andate a letto presto e dormite quanto serve: in questo modo non sarete solo più riposati, ma anche più sereni e ottimisti nell’affrontare la giornata.
  6. Mangiate sano. Evitate pranzi pantagruelici, ma cercate di stare leggeri e di mantenere una dieta sana ed equilibrata. Una regola che vale sempre, ma in particolare in questo periodo quando al rientro ci si sente spesso gonfi e appesantiti.
  7. Ricominciate a fare sport. Anche in questo caso, fatelo in modo progressivo e graduale, senza pretendere di raggiungere subito grandi risultati. Riprendere l’attività sportiva, però, è molto importante perché migliorerà il vostro umore e vi farà sentire più tonici e ottimisti.
  8. Uscite. Seppellirvi in casa non vi aiuterà a superare questo momento di stress. Sentite i vostri amici e organizzate qualche serata fuori. Approfittate anche della pausa pranzo per uscire dall’ufficio e visitare magari qualche luogo nuovo.
  9. Fate pensieri positivi. Non appena vi sentite tristi e malinconici chiudete gli occhi e pensate a un momento in cui siete stati particolarmente bene. Rivivete quel momento con tutti i sensi, dall’udito al profumo, e assaporate tutte le belle sensazioni che vi ha trasmesso. Quando riaprirete gli occhi sarete di sicuro più positivi.
  10. Concedetevi qualcosa in più. Organizzate una gita fuori porta per il weekend, una giornata all’hammam con le amiche o una cena speciale. Concentrarvi su quello che di bello avete in programma vi aiuterà ad affrontare anche le giornate alla scrivania.

PER APPROFONDIRE IL TEMA DI UN RIENTRO A TUTTA ENERGIA:

Ultime Notizie: