Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Andrea Valente, lo scrittore non sprecone

Il disegnatore della mitica Pecora Nera è anche divulgatore del verbo del Non Spreco presso i bambini: sono sue le illustrazioni del progetto Ambarabà Ricicloclò

da Posted on
Condivisioni

ANDREA VALENTE –

Tutti lo ricordano con affetto per la buffa pecorella nera da lui inventata, tenera ma caratteriale, che ha popolato astucci e diari dei bambini anni ’90, ma Andrea Valente oltre che disegnatore è anche uno scrittore affermato nonchè un animo non sprecone. Il suo ultimo libro si intitola “Un elefante sotto il letto”, e una delle sue ultime fatiche artistiche riguarda proprio l’insegnamento del Non spreco ai bambini. Valente ha infatti prestato la sua creatività ad Ambarabà Ricicloclò, ideato e realizzato dalla rivista Andersen, il mensile italiano di informazione sui libri per ragazzi e la cultura dell’infanzia. Si tratta di un progetto nato per far riflettere i bambini sull’importanza della raccolta differenziata e del riciclo degli imballaggi in acciaio: giunto alla sua seconda edizione, ha proposto come sfida per i bambini quella di comporre rime giocose ispirate al riciclo di barattoli, scatolette, tappi, fusti e bombolette d’acciaio. I piccoli studenti di tutta Italia hanno dovuto comporre un limerick, e cioè un breve e divertente componimento in rima.

LEGGI ANCHE: Rapporto bambini-natura: essere selvatici è necessario

Andrea Valente rivista Andersen

Una giuria di esperti ha selezionati le dieci migliori composizioni che sono poi state illustrate da Andrea Valente su tavole serigrafate su lastre d’acciaio. Le opere saranno in mostra a Milano alla Scuola Europa in viale Majno 39 fino al 4 marzo. L’ingresso è gratuito (in orario 16-17.30 (dal lunedì al venerdì) e sabato, dalle 9 alle 12).

LEGGI ANCHE: Libri da leggere ai bambini: dieci consigli

ANDREA VALENTE PECORA NERA –

Il papà della Pecora Nera (inventata nel 1995 per scherzo su un biglietto di auguri), sotto la matassa di capelli da creativo ha un animo non sprecone: come lo esplicita?

“Essendo nato in Alto Adige, sono sempre stato abituato ad avere un occhio di riuguardo per la natura. Sono green nei trasporti: ho una macchina ibrida, metà elettrica e metà a benzina. Con la mia compagna poi, predico il verbo della spesa a volume zero: se entra un paio di scarpe, deve uscire un paio di scarpe da casa. Devo dire che non sempre vengo ascoltato. Quello che mi dispiace di più sprecare in assoluto è il tempo: quello perso è utile perchè è lì che si crea, quello sprecato mi pareva meglio perderlo”.

Quali sono i peccati di spreco che commette?

“Dunque, non posso sprecare acqua perchè la mia compagna è fissata e poi mi sgrida… però ammetto di non usare mai la bici e poco il treno: preferisco i comodi trasporti in macchina. Poi amo possedere i libri: non li prendo in biblioteca, voglio tenerli in casa!”

Un omaggio al nostro sito:

pecora nera andrea valente