Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Al lavoro in bici. Fa bene al fisico e soprattutto allo spirito

di Posted on
Condivisioni

Andare al lavoro in bicicletta è decisamente la scelta più ecologica che si possa fare. Certo, non sempre la distanza lo permette, ma se alla bicicletta si affiancassero i mezzi pubblici? Bisogna ammettere che spesso, in fatto di mobilità e bici non si passa dalle parole ai fatti per pigrizia.

Serve quindi uno stimolo in più per decidersi a pedalare da casa all’ufficio? Eccolo: andare in bicicletta fa bene sia al corpo che all’umore. I milioni di italiani (perchè sono effettivamente tanti) che ogni giorno usano le due ruote per recarsi al lavoro o a scuola, come spiega Giovanni Posabella, specialista in medicina dello sport ed esperto di omeopatia, omotossicologia e discipline integrate, godono di enormi benefici.

"Andare in bici aiuta a migliorare l’attivita’ cardiovascolare, che agevola a sua volta la prevenzione di varie patologie metaboliche quali il diabete o l’obesita’. Inoltre maggiore e’ l’attivita’ fisica, maggiore sara’ il numero di nuovi capillari per l’afflusso di sangue e ossigeno. Aumentando l’ossigenazione del muscolo diminuisce l’affaticamento, evitando sgradevoli sensazioni d’affanno".

"Il movimento specifico che il corpo compie andando in bicicletta fa bene anche a giunture e articolazioni", prosegue l’esperto. "In altre parole, ‘oliare’ in modo continuativo ginocchia, caviglie e anche vuol dire ossigenarle e questo diminuisce il rischio di artrosi e osteoporosi. Il tutto ovviamente – precisa Posabella – mantenendo sempre una postura biomeccanica corretta che varia da persona a persona. Stendere al massimo la gamba durante la pedalata non va bene; al contrario, conservare un minimo di angolazione consente di non sovraccaricare i tendini."

Non basta ancora per lasciarsi convincere? Ecco l’ultimo (ma forse il più importante) incentivo: "L’esercizio fisico stimola endorfine – spiega Posabella – sostanze che ci procurano una sensazione di benessere che si ripercuote su tutta la persona".

"Si innesca quindi – conclude – un meccanismo di metabolismo equilibrato, per cosi’ dire dinamico, che migliora con la luce del giorno e si abbassa di notte consentendo sonni piu’ distesi". Cosa potrebbero chiedere di piu’, dunque, tutte le persone sottoposte a stress lavorativo o ansia da compito in classe per superare il problema?

Fonte: Ecoseven