Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

3Bee, un dispositivo elettronico che protegge gli alveari da pesticidi e parassiti

In grado di monitorare costantemente gli alveari, 3Bee permette di tenere sotto controllo lo stato di salute delle api e intervenire tempestivamente qualora ce ne fosse bisogno. Il progetto di tre giovani ricercatori italiani.

Condivisioni

3BEE

Come fermare la strage delle api? Come proteggere questi preziosi insetti che sono sempre a rischio a causa dell’uso troppo frequente di pesticidi chimici e parassiti? Una risposta a queste domande arriva dall’interessante innovazione brevettata da tre giovani ricercatori italiani. Si tratta di 3Bee (è la parola anglosassone che traduce la nostra ape), una startup tutta made in Italy, nata con l’obiettivo di proporre un tipo di allevamenti senza antibiotici. Proprio per proteggere gli alveari e più in generale l’ambiente naturale in agricoltura, e non solo.

LEGGI ANCHE: Che succede se spariscono le api? Intanto sappiamo che hanno un cervello molto attivo

3BEE STARTUP

I tre ricercatori, Niccolò Calandri, ingegnere biomedico,  Riccardo Balzaretti, biologo,  ed Elia Nipoti, tecnologo alimentare,  sono tutti nati nella provincia di Como e sono legati dalla passione per la campagna e per la tecnologia. Ma vediamo da vicino come funziona 3Bee.

COME FUNZIONA L’ALVEARE 3BEE

In pratica si tratta di un dispositivo elettronico in grado di monitorare continuamente gli alveari delle api. In questo modo gli apicoltori possono, in tempo reale,  interpretare i bisogni delle api, ascoltando suoni, odori, temperatura, umidità e incremento ponderale dell’alveari. Questi dati poi vengono esaminati in cloud, tramite specifici algoritmi e l’apicoltore può verificare in tempo reale lo stato di salute delle api e intervenire tempestivamente qualora ce ne fosse bisogno.

ALVEARE 3BEE

L’obiettivo che si sono prefissati questi tre giovani ricercatori è quello di installare almeno  100 alveari con il dispositivo 3Bee, anche per dare così un piccolo sostegno alle varie produzioni agricole. Dice Niccolò: «Quello che spesso ci dimentichiamo è che senza questi insetti si riduce drasticamente anche la produzione di frutta e verdura, per cui salvaguardarli è fondamentale».

Il progetto è in concorso per l’edizione 2018 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+

TUTTI I VINCITORI DEL PREMIO NON SPRECARE 2017: