Questo sito contribuisce all'audience di

100 sedie per 100 giorni, il progetto che celebra la potenza degli oggetti di uso quotidiano

Un semplice elemento di arredo come la sedia, in realtà, nasconde una potenzialità enorme anche dopo anni di abbandono. Il designer italiano Martino Gramper per più di due anni è andato alla ricerca per le strade di Londra di vecchie seggiole da far rinascere in una nuova forma artistica

IN CONCORSO
EDIZIONE 2017
100 sedie per 100 giorni, il progetto che celebra la potenza degli oggetti di uso quotidiano
di
Condivisioni

100 SEDIE PER 100 GIORNI

Far rinascere in una nuova forma artistica le sedie, scoprendone il potenziale inespresso. È questa la missione di “100 Chairs in 100 Days” il progetto del designer italiano Martino Gramper, che per più di due anni è andato alla ricerca per le strade di Londra di vecchie sedie da far rivivere.

LEGGI ANCHE: Riciclo creativo: le vecchie musicassette diventano sedie, borse e portaoggetti

100 sedie per 100 giorni1

RIUTILIZZO VECCHIE SEDIE

“100 sedie per 100 giorni” è un progetto nel quale ogni sedia vuole celebrare la potenza che il design ha sugli oggetti di uso quotidiano, e quanto questi dicano di chi le possiede, della loro provenienza e del contesto sociale a cui appartengono. Quella di Gramper è una metodologia che vuole raccontare non solo la storia delle sedute, ma aprire al design e ripensare infine i valori di funzionalità e appropriatezza che stanno a monte della creazione di ogni oggetto.

100 sedie per 100 giorni3

RICICLO VECCHIE SEDIE
Così, questo Frankestein del design ha dato vita a un album in tre dimensioni di una serie di possibili sedute esplorando e sperimentando il più possibile perchè “non c’è un design perfetto”. Ogni sedia è unica, ibrida, divertente e sfida nella sua eccezionalità l’oggettività della bellezza. Si tratta di 100 sedute, create e composte da sedie abbandonate e non utilizzabili, senza alcuna aspirazione alla perfezione, che hanno portato al loro creatore fama e riconoscimento internazionale,con mostre a Milano, Londra e San Francisco. L’obiettivo di questo progetto, spiega Gramper, è disvelare il mito della perfezione e ci sfida a ripensare la nostra vita quotidiana e gli oggetti che la circondano.

100 sedie per 100 giorni4

PROGETTI IN CONCORSO PER IL PREMIO NON SPRECARE EDIZIONE 2017:

Il progetto è in concorso per l’edizione 2017 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui! 

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

Ultime Notizie: